PAC, Scopriamo il piano di accumulo assicurativo

Oggi parliamo del Pac, cioè del piano di accumulo assicurativo. Tra le diverse soluzioni d’investimento assicurative trovano ampio spazio non solo le già citate polizze vita e fondi pensioni, ma anche delle nuove alternative di investimento a rate note come Pac assicurativi. Il Pac è un comune piano di accumulo che prevede delle forme di investimento da attuare in modo dilazionato nel tempo. Scopriamo se conviene oppure no. rispetto alla categoria alternativa del Pic assicurativo, che prevede degli investimenti in una unica soluzione. Il Pac (piano di accumulo) rappresenta quindi un’ottima soluzione di investimento per quei piccoli risparmiatori, che vogliono pensare al futuro ma non dispongono subito di grandi capitali e che decidono a poco a poco di realizzarlo.

PAC Piano di Accumulo, Come realizzarlo?

Per realizzare un buon PAC piano di accumulo è necessario però seguire alcune fasi molto importanti che possono essere racchiusi in quattro punti:

  1. Scegliere la tipologia del fondo (azionario o obbligazionario).
  2. Definire la frequenza del versamento nel tempo con adempimenti minimi mensili e trimestrali, o massimi semestrali e annuali.
  3. Definire gli importi delle rate che andranno a definire il relativo piano di accumulo.
  4. Stabilire la durata totale del piano d’investimenti

Vantaggi e svantaggi del PAC

Come possiamo notare il pac (piano di accumulo) presenta quindi un forte vantaggio dal punto di vista della flessibilità, permettendo all’investitore di scegliere liberamente come definire il piano di accumulo nel tempo, ed in particolare su tipologia del fondo, importi e durata. Inoltre è possibile sospendere in caso di necessità dei versamenti, senza perdere quanto fino a quel momento realizzato.

Tra gli svantaggi invece possiamo notare un orizzonte temporale molto alto, che generalmente porterà a dei primi benefici economici solo dopo alcuni anni. Di conseguenza se tale prospettiva non rientra nelle caratteristiche dell’investitore, potrebbe essere utile valutare altre alternative sempre flessibili come i libretti di risparmio.

Leave a Reply